Home » Come cambia la fotocamera di Facebook con la nuova funzione “Stories”
Consigli Curiosità News Recensioni Fotocamere

Come cambia la fotocamera di Facebook con la nuova funzione “Stories”

Arrivano anche su Facebook le Stories, contenuti foto e video disponibili per 24 ore prima di auto-eliminarsi. Mark Zuckerberg aveva già provato e lanciato questa funzione su Instagram da ormai diversi mesi, su “ispirazione” del concorrente Snapchat.

Facebook Stories è debuttato ufficialmente in Italia da qualche giorno con l’ultimo aggiornamento dell’app. Ma come funziona? Si possono scattare foto o registrare brevi video grazie alla cosiddetta Facebook Camera, una funzione integrata nell’app. Inoltre è possibile aggiungere vari tipi di effetti, filtri, animazioni e scritte sia sulle foto e sia sui video prima di essere pubblicati.

Chi visualizza i contenuti di Facebook Stories? Il funzionamento è molto simile a quello già presente su Instagram e Snapchat: si può scegliere di far visualizzare le proprie “stories” a tutti i contatti oppure creare una lista ristretta di amici, fino all’invio dei contenuti ad un solo utente.

LEGGI: Scopri le potenzialità delle fotocamere Reflex Nikon

FB-COLL-10dd24x535

Il contenuto inviato a un singolo utente attiva automaticamente il “Direct”, ovvero una volta catturato e modificato il contenuto nella fotocamera, bisogna poi decidere con chi condividerlo e darà vita a una chat privata.

Connor Hayes, uno dei project manager del Camera Team, ha affermato che “gli smartphone hanno cambiato il modo di comunicare, oggi la comunicazione è ‘fotocentrica’, le persone amano raccontare se stesse con le immagini, ed è questa la direzione che vogliamo prendere con Camera”.

Parliamo di una funzione che non è una vera e propria rivoluzione per tutti coloro che già attualmente posseggono un account su Instagram o Snapchat, ma che permette al noto social-network blu di stare al passo coi tempi, offrendo ai propri utenti un nuovo servizio.

LEGGI ANCHE: Scopri il Samsung Galaxy S7

 

Segui Yeppon ovunque