Home » La pista ciclabile in Olanda che si illumina di sera con un dipinto di van Gogh
Curiosità News

La pista ciclabile in Olanda che si illumina di sera con un dipinto di van Gogh

Come attirare più ciclisti possibili, soprattutto nei mesi invernali? In Olanda al soluzione è geniale: la presenza dell’arte nei percorsi ciclabili, per rendere la passeggiata sulle due ruote un’esperienza davvero unica.

Pochi sono a conoscenza dell’esistenza di un’incredibile pista ciclabile disegnata dal designer Daan Roosegaarde, inaugurata nel 2014 nel sud dell’Olanda.

Un percorso davvero unico e che collega la cittadina natia di Vincent van Gogh, Eindhoven, fino a Nuenen dove l’artista si ispirò per il dipinto “I mangiatori di patate”.

La pista ciclabile altro non è un’istallazione luminosa, ispirata al celebre quadro “La notte stellata” di van Gogh.

LEGGI: Scegli la bicicletta che più si addice alle tue esigenze

Scpistavanoghkreenshot_10

Il percorso si illumina non appena fa buio, grazie all’utilizzo di una particolare vernice che accumula energia durante il giorno per poi rilasciarla durante le ore notturne.

Una giornata di sole è in grado di illuminare il percorso per 8 ore, ma anche in caso di giornate buie o di pioggia, ci sono i pannelli ausiliari a fare la differenza.

Dopo il successo ottenuto da questo grandioso progetto, molte cittadine olandesi hanno deciso creare istallazioni simili per il progetto “mobilità sostenibile”, con la speranza che l’utilizzo della bici superi ben presto quello delle auto.

LEGGI ACHE: Accessori per la bicicletta

Screvangighopostaenshot_10

L’istallazione di Roosegaarde è stata “copiata” anche da due città straniere, Lidzbark Warminski in Polonia e  Port Covington negli Stati Uniti

Per la costruzione della prima è stato utilizzata una particolare tecnica messa a punto dalla TPA Instytut Badan Technicznych,  ovvero il fosforo per unire l’alimentazione solare a una maggiore sicurezza per il ciclista, soprattutto nelle ore più buie, garantendo una maggiore aderenza delle ruote alla pavimentazione. Per la seconda, invece, più vicina all’istallazone olandese,  il pavimento riesce ad assorbire la luce solare  per poi riemetterla durante la notte.