Home » Lo squillo sul telefono, la richiamata e l’inizio della truffa
Consigli Guide

Lo squillo sul telefono, la richiamata e l’inizio della truffa

La Polizia Postale lancia l’allarme su una nuova truffa che parte da uno squillo di un numero non memorizzato in rubrica.

Uno squillo da un numero sconosciuto, la telefonata e l’inizio di un vero e proprio incubo. Ritorna una truffa telefonica pericolosa, studiata nei minimi dettagli, che già in passato ha causato non pochi problemi a molte persone.

La Polizia Postale tramite la Pagina Facebook Una vita da social, lancia l’allerta su una truffa telefonica  sulla quale si continua ancora oggi ad indagare ma che – come sottolinea l’admin – purtroppo con molte difficoltà perché i truffatori agiscono dall’estero e sono tecnologicamente molto evoluti.

L’unico modo per difendersi è quello di conoscere i dettagli in cui la truffa viene messa in atto, che parte da un numero telefonico con prefisso straniero +379. Ecco come funziona:

LEGGI ANCHE CURA DEL CORPO: SCOPRI TUTTE LE OFFERTE DEI PRODOTTI IN CATALOGO IN PRONTA CONSEGNA SU YEPPON!

Si riceve uno squillo sul cellulare, uno solo, da un numero con prefisso +373 o altro ma sempre estero, poi la chiamata viene interrotta. Chi vede la chiamata senza risposta, il più delle volte prova a richiamare e inizia il raggiro. Chi chiama viene dirottato su numeri e opzioni che portano a sottoscrivere un nuovo abbonamento telefonico, il tutto senza chiedere autorizzazioni e consensi.

Ma a volte basta richiamare il numero e anche senza ricevere risposta, si entra in un circuito di collegamento internazionale che prosciuga ricariche e minuti di abbonamento, perché senza saperlo si va su una linea a pagamento con costi che vanno da 1 euro e un euro e 50 ogni dieci secondi.

LEGGI ANCHE SPECIALE SAN VALENTINO: SCOPRI TUTTE LE IDEE REGALO PER LUI E PER LEI CON LE OFFERTE YEPPON!

Le chiamate arrivano in genere di sera, tra le 18,30 e le 20,30 quando la maggior parte delle persone è più libera dal lavoro e più propensa a richiamare. Che è la cosa da evitare assolutamente. Se vi capita, invece, consigliamo di denunciare subito il fatto alla Polizia di Stato per permettere agli investigatori di raccogliere quanti più elementi sul caso.

Di seguito il link con gli indirizzi degli uffici di Polizia postale d’Italia: https://www.commissariatodips.it/profilo/contatti.html

Il sito del Commissariato di Polizia Postale online, dove registrarsi e segnalare la truffa:https://www.commissariatodips.it/area-riservata/accedi.html