Home » Recensione Samsung Gear VR (2017), visore per la realtà virtuale
Recensioni

Recensione Samsung Gear VR (2017), visore per la realtà virtuale

Samsung Gear VR

Da alcuni anni si parla sempre più spesso di realtà virtuale e di come i grandi brand di tecnologia stiano cercando di trasformarla in qualcosa alla portata di tutti o quasi. Tra coloro che non hanno mai smesso di investire in questo settore figurano, oltre al celebre Oculus, il colosso coreano Samsung. I due brand collaborano da alcuni anni e sono riusciti a portare sul mercato device per la VR (Virtual Reality) molto interessanti.

L’ultimo modello di Samsung Gear VR è stato presentato al Mobile World Congress 2017 e rappresenta la terza generazione del Gear VR. Rispetto ai suoi predecessori, quest’ultimo modello è anche munito di controller per l’interazione con l’ambiente virtuale. Una novità che aumenta la capacità di coinvolgere l’utente.

Il controller

Con l’importante aggiunta del controller wireless si potrebbe dire che il Samsung Gear VR va verso il Daydream VR del competitor Google. Oltre ad aumentare l’interazione con il mondo virtuale, come anticipato prima, il controller permette una migliore usabilità, grazie a tutta una serie di accorgimenti.
Innanzitutto il controller touchpad velocizza selezione e interazione all’interno delle applicazioni VR. Grazie a ciò sono possibili nuovi tipi di movimento durante il gaming: oltre al “punta e clicca” avrete la possibilità di trascinare e rilasciare, nonché di inclinare e sparare.

I comandi Home, Volume e Indietro, ossia i tasti generali utilizzati più di frequente, possono essere tutti controllati direttamente dal joypad, quindi sarete in grado di ridurre i movimenti al minimo. Infine il cinturino da polso per il controller dà una buona ergonomia al device, quindi una presa più salda e anche un comfort maggiore: anche durante i movimenti più bruschi, il vostro joypad resterà al suo posto e non vi sfuggirà di mano.

Le dimensioni del controller sono di 108.1 x 48.1 x 38.2 mm e pesa solo 64.3 grammi. Tra i controlli troverete il Touchpad (cliccabile), trigger, tasto home, tasto indietro e naturalmente i tasti per regolare il volume. Non mancano poi i sensori più comuni, necessari per un’esperienza di realtà virtuale completa: accelerometro, giroscopio e magnetometro.

Per quanto riguarda l’autonomia, il controller è dotato di due batterie AAA che garantiscono ben 40 giorni di autonomia se lo utilizzerete un paio d’ore tutti i giorni.

LEGGI ANCHE: Recensione Playstation VR: la realtà virtuale su console

Il visore

Prima di proseguire occorre specificare che il Samsung Gear VR è un device completo per la realtà virtuale solo se viene abbinato a uno smartphone. Sarà questo infatti il vero cuore del prodotto, il display e il motore che vi porterà nella vostra esperienza di realtà virtuale. Attualmente gli smartphone compatibili sono S6, S6 edge, S7, S7 edge, S8, S8+ e Note 5. Il modello precedente di Gear VR (quello del 2016) non ha avuto molto successo proprio perché non era ancora uscito il performante Galaxy Note 7 ad accompagnarlo. Per collegare uno smartphone tramite porta microUSB vi basterà usare l’adattatore che troverete nella confezione.
Il visore è molto semplice da indossare, gli elastici sono molto robusti e pratici. Non avere cavi (della realtà virtuale da PC/console) fluttuanti che vi possono intralciare si rivelerà molto comodo.

Smartphone e visore Samsung Gear VR

 

 

Dopo aver inserito il vostro smartphone si avvierà la procedura guidata per l’installazione di tutti i servizi Oculus indispensabili per connettere cellulare e visore. Di solito ci vogliono una decina di minuti. Dopo aver installato tutte le app necessarie al funzionamento, vi apparirà una schermata che non è cambiata di molto rispetto alle edizioni passate. Oculus e Samsung hanno aggiunto tanti contenuti, dai video alle app interattive: le più costose in media non superano i 5 euro.

Le lenti del nuovo Samsung Gear VR sono da 42 mm e garantiscono un campo visivo reale fino a 101°. Caratteristica molto gradita è l’ottimo supporto di una tecnologia per la correzione della distorsione che permette di ridurre enormemente la sensazione di nausea.

Nella confezione, oltre al controller e al visore, troverete anche un adattatore e un laccetto da polso.

Questo visore per la realtà virtuale ti ha conquistato? Scopri le nostre soluzioni per acquistare il Samsung Gear VR in offerta online!

Pro

  • Ottimo controller
  • Aggiunta di nuovi contenuti
  • Buona usabilità

Contro

  • Il controller non è ricaricabile
  • La quantità dei contenuti va aumentata
Summary
Review Date
Reviewed Item
Samsung Gear VR
Author Rating
51star1star1star1star1star
Tags