Home » Servizi in abbonamento non richiesti: nuova truffa e come difendersi
Consigli Guide

Servizi in abbonamento non richiesti: nuova truffa e come difendersi

La Polizia Postale lancia l’allerta sulla truffa di un finto servizio in abbonamento attivato che circola su WhatsApp in questi giorni.

Nuova truffa sui finti servizi in abbonamento attivi e non richiesti: Lo “Sportello dei Diritti”  ricorda che è la Polizia di Stato tramite un post spubblicato ull’account Facebook“Commissariato di PS On Line – Italia” dove si invita a  prestare attenzione ad uno dei messaggini che ci giungono senza alcuna autorizzazione sui nostri servizi di messaggistica.

L’ultimo, riguarda un messaggio che viene inviato su WhatsApp che presenta più o meno il seguente testo:  “GOSSIP GIRLS: abbonamento attivato. Accesso illimitato a tutti i nostri contenuti in browsing su m.gossipgirls.mobi. Costo 4,99 E/Sett. Per info chiama 0692927434”.

La foto chiarisce più di tutto cosa bisogna evitare di fare per non trovare spiacevoli sorprese. È la stessa Polizia Postale a suggerire con il post in questione: “ABBONAMENTI. Cautela nella navigazione che l’inganno è dietro l’angolo”. Il modo migliore per difendersi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” è quello di non rispondere a questi messaggi palesemente strani e quindi di non cliccarci sopra se non si vuole aderire ai servizi proposti.

LEGGI ANCHE: Smartphone, Tv, Elettrodomestici e altro ancora: scopri le offerte della settimana YEPPON!

Tuttavia, se per un errore si è cliccato al link e attivato abbonamenti a pagamento che addebitano in fattura spese rilevanti a carico dell’ignaro utente o scaricano il credito – se è vero che potrebbe sussistere una responsabilità dei nostri operatori di telefonia con la conseguenza che reclamando potrebbero essere prontamente disattivati e restituite le somme addebitate – è bene presentare quanto prima una denuncia-querela come tanti cittadini che si sono rivolti all’associazione contattandola via email al seguente indirizzo: info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org.

Come riporta la Polizia Postale via Facebook, l’unico metodo per essere totalmente al sicuro e’ l’attivazione del ‘barring sms’ un servizio che blocca gli sms come i servizi di sms premium. Per attivarlo basta contattare il vostro operatore. Attivando il blocco totale degli sms tuttavia verranno bloccati anche sms di servizio attivati volontariamente come quelli inviati dalla banca per notificare l’utilizzo della carta di credito.