Home » Recensione Shadow of the Colossus: il remake definitivo per PS4
Recensioni

Recensione Shadow of the Colossus: il remake definitivo per PS4

Shadow of the Colossus

L’uscita di Shadow of the Colossus per PS2 fu accolta, nel lontano 2005, da un clamoroso successo di pubblico e critica. A distanza di 13 anni, Sony ha deciso di dare vita ad un remake per PS4 del proprio capolavoro, affidandolo ai ragazzi di Bluepoint Games. Già nel 2011 ci aveva provato ma l’operazione si era limitata ad un semplice restyling grafico, che poco aveva aggiunto alla versione originale. Ma qui siamo di fronte a qualcosa di diverso e, osservando le immagini del gioco, si capisce il perché. La qualità degli scenari e dei fondali raggiunge un livello difficilmente visto in precedenza, la resa dei colori si fa incredibilmente naturale e ogni dettaglio appare realistico. Questa volta, il lavoro è stato talmente curato che il gioco ne esce rinato, l’esperienza si rinnova e acquista qualcosa in più. Ottimo come sempre il comparto audio, costruito su pezzi classici incalzanti ed epici alternati a brani più malinconici e struggenti. La giocabilità rimane altissima, pari a quella della versione originale. Ma qui, oltre all’aspetto più puramente ludico, si gode di una grafica senza precedenti.

Trama

Shadow of the Colossus presenta una storia molto lineare che però non è priva di momenti intensi e memorabili. In uno scenario che si ispira con forza alla tradizione fantasy, il giovane Wander, decide di varcare le soglie della Terre proibite, spinto dal desiderio di riportare in vita la propria amata. Solo qui, infatti, è permesso all’anima di ricongiungersi con il corpo materiale. Per farlo, però, il protagonista dovrà sconfiggere 16 Colossi, le creature immense che popolano questi territori. Si tratta di mostri giganteschi, molto differenti l’uno dall’altro e dotati ciascuno di caratteristiche ben precise. Vagando attraverso le Terre Proibite, Wander si imbatterà in queste creature ingaggiando con esse una sfida mortale. Ma anche solo raggiungere i Colossi sarà un’impresa, essendo disseminati in un territorio vastissimo. Per fortuna, riflettendo la luce del sole per mezzo della propria spada, al protagonista verrà indicata la strada da seguire in forma di raggio luminoso.

Gameplay

Venendo alla parte prettamente ludica, cosa possiamo dire di questo Shadow of the Colossus? Intanto che lo spirito del gioco non è stato per nulla scalfito e il gameplay rimane coinvolgente come quello della versione originale. Wander avrà la possibilità di correre, cavalcare, lanciare frecce e dedicarsi alla ricerca di nuovi Colossi. Ma il fulcro del gioco rimane il combattimento contro i giganti, un’esperienza totale in cui destrezza e tempismo vanno di pari passo, in cui i movimenti dei nemici vanno anticipati e capire quando colpire diventa fondamentale. Scalando i Colossi, il nostro protagonista esplorerà sempre nuove possibilità di gioco e, benché l’obiettivo rimanga lo stesso, la varietà delle situazioni regalerà grande intrattenimento.

LEGGI ANCHE: Recensione Final Fantasy XV: il capitolo che rilancia la saga

Grafica

Non è semplice definire un capolavoro in ambito ludico ma, in questo caso, vorremo sbilanciarci. Sì, perché il nuovo Shadow of the Colossus aggiunge davvero tanto al gioco originale. Le dinamiche di base rimangono le stesse ma, dal punto di vista grafico, è stata compiuta un’evoluzione incredibile. La potenza degli scenari e la profondità di campo dei fondali assicurano un’esperienza unica, in particolare con PS4 Pro. La fluidità è straordinaria, potendo contare su 60 fps stabili. In questo modo, l’azione di gioco si fa travolgente e amplifica fortemente l’effetto d’immedesimazione. Unica pecca restano le animazioni facciali del protagonista, decisamente sottotono rispetto al resto.

Sonoro e longevità

Oltre ad una giocabilità ben calibrata e a una grafica eccezionale, a esaltarci ulteriormente sono le musiche. Si tratta di pezzi classici di qualità sopraffina, che accompagnano l’azione in modo perfetto, sia nei momenti più concitati che in quelli più rilassati. Davvero un valore aggiunto. La longevità, invece, non fa certo gridare al miracolo e sconfiggere i 16 Colossi richiederà meno tempo di quello che avremmo sperato. Ma nel complesso, la parola capolavoro calza perfettamente per questo che è un remake di assoluta qualità di una perla videoludica.

Shadow of the Colossus e altri videogiochi per PS4

Pro

  • Grafica incredibile
  • Gameplay solido
  • Musiche coinvolgenti

 

Contro

  • Animazioni del protagonista sottotono
  • Longevità non eccezionale

 

Summary
Review Date
Reviewed Item
Shadow of the Colossus
Author Rating
51star1star1star1star1star