Home » Smartphone: arrivano le batterie agli ioni di alluminio. Ricarica ultraveloce in meno di 1 minuto
News

Smartphone: arrivano le batterie agli ioni di alluminio. Ricarica ultraveloce in meno di 1 minuto

Con i nostri smartphone ormai si può fare di tutto, ma è proprio quando utilizziamo diverse applicazioni che andiamo a consumare la maggior parte della batteria. Così c’è chi ha optato per un battery pack (che non è proprio comodo da portarsi in giro), chi ha un battery-case e chi un alimentatore da automobile. C’è anche chi però aspetta in gloria la nuova tecnologia che andrà magari a sostituire quella attuale, che fa uso del litio (tra l’altro minerale piuttosto raro) per accumulare energia.
Da qualche anno gli scienziati stanno progettando una batteria pieghevole in alluminio in grado di ricaricare uno smartphone in meno di un minuto. Ci sono due elettrodi: un anodo caricato negativamente in alluminio e un catodo con carica positiva realizzato in grafite. Elettrolito ionico liquido posto all’interno di un involucro flessibile rivestito di polimeri.
Stanford studente laureato Ming Gong ha aggiunto: “L’elettrolito è un sale pratica che è liquido a temperatura ambiente, quindi è molto sicuro le batterie agli ioni di litio può essere un pericolo di incendio ..
La batteria in alluminio sarà anche amica dell’ambiente, perché rispetto alle batterie alcaline o al litio avranno un ciclo di vita molto più lungo.
Il progetto è a firma dei chimici della Stanford University. La prima batteria in alluminio ad alte prestazioni per la ricarica veloce, di lunga durata e poco costosa a livello di energia spesa, è un’alternativa sicura, ha dichiarato Hongjie Dai, asserendo inoltre che “la nostra nuova batteria non entra in combustione, non brucia”.
L’articolo di presentazione dello studio della Stanford è apparso lo scorso lunedì sulla rivista Nature. Ma quando sarà possibile installare sui device e commercializzare la batteria agli ioni di alluminio?
Al momento non è possibile avere una risposta precisa a questa domanda. Saranno sicuramente necessari ulteriori miglioramenti per abbinare la tensione delle batterie agli ioni di litio.