Home » WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio: ritorna la bufala!
Android Consigli Guide

WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio: ritorna la bufala!

Anno nuovo, nuove bufale. Anzi, questa che vi stiamo per parlare è piuttosto vecchia ma riesce sempre a creare panico.

Tra le varie bufale che girano sul web, ce ne sono alcune che resistono nel tempo e, anzi, ritornano ciclicamente, come se gli hacker le programmassero.

Con il nuovo anno torna la bufala di WhatsApp a pagamento. Negli ultimi giorni, infatti, è ripresa la catena di messaggi che inizia con un allarmante “Avviso importante a tutti gli utenti di WhatsApp”.

Ecco il testo integrale del messaggio: “Dopo la nuova vendita del servizio finora gratuito offerto da whatsapp, il nuovo direttore Yong Lin, durante la conferenza a stampa tenuta stamani 03 Gennaio 2018 a Shangai ha annunciato che da sabato mattina 13 Gennaio 2018 whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio. FATE GIRARE”.

Come scrive il giornalista Ducci Fornero su Yahoo, “il problema è che la gente fa girare. Peccato che, come detto, si tratta di una bufala. E non è la prima volta che viene annunciata la svolta a pagamento del famoso sistema di messaggistica. E non è la prima volta che si deve smentire una notizia totalmente falsa. Ma che gira perché l’utente medio rilancia una notizia senza prima verificarla, senza un po’ di senso critico”.

LEGGI ANCHE: Smartphone, Tv, Elettrodomestici e altro ancora: scopri le offerte della settimana YEPPON!

Infatti basterebbe davvero poco per interrompere questa catena di Sant’Antonio e non farla più ritornare in futuro. In che modo? Informarsi correttamente, visitando il sito ufficiale di WhatsApp e scoprire che il servizio è e sarà sempre grauito.

VIA | Yahoo