Home » Wikipedia Italia ha oscurato tutte le sue pagine: i motivi
Consigli Curiosità Guide

Wikipedia Italia ha oscurato tutte le sue pagine: i motivi

 

La nota enciclopedia free online ha oscurato temporaneamente tutte le pagine per protesta. Ecco i motivi spiegati nel comunicato stampa.

Dalla mattinata del 3 luglio 2018, Wikipedia ha oscurato tutte le sue pagine. Come mai?

La nota enciclopedia online a libera partecipazione ha deciso di protestare contro le nuove regole sul copyright a cui sta lavorando l’Unione Europea. In breve, il 20 giugno di quest’anno  la Commissione giuridica del Parlamento Europeo (JURI) ha approvato alcune proposte contenute nella nuova direttiva per il copyright in Europa.

Sia Wikipedia che altri editori online in tutta Europa stanno ora contestando alcuni punti contenuti in due articoli, l’11 e il 13 che minacciano la libertà di Internet e dei suoi utenti.

L’articolo 11 prevede l’applicazione della Link Tax, cioè tutte le piattaforme online dovranno richiedere l’autorizzazione dei detentori dei diritti per poter proporre ai propri utenti link o snippet di testo che rimandano a notizie o altri tipi di contenuti editoriali. Qualora Facebook, Twitter o altre piattaforme online decidessero di non pagare questa tassa, si registrerebbe un drastico calo di traffico e di notizie in generale diffuse sul web.

L’articolo 13 prevede che tutte le piattaforme che ospitano contenuti generati dagli utenti alla creazione di uno speciale filtro su tali contenuti. Secondo gli oppositori, questo sistema potrebbe essere facilmente utilizzato a vantaggio di enti nazionali e sovranazionali, trasformando Internet in uno strumento per la sorveglianza e il controllo degli utenti.

Di seguito, pubblichiamo il comunicato stampa integrale apparso sulla Homepage di Wikipedia:

Cara lettrice, caro lettore,

Il 5 luglio 2018 il Parlamento europeo in seduta plenaria deciderà se accelerare l’approvazione della direttiva sul copyright. Tale direttiva, se promulgata, limiterà significativamente la libertà di Internet.

Anziché aggiornare le leggi sul diritto d’autore in Europa per promuovere la partecipazione di tutti alla società dell’informazione, essa minaccia la libertà online e crea ostacoli all’accesso alla Rete imponendo nuove barriere, filtri e restrizioni. Se la proposta fosse approvata, potrebbe essere impossibile condividere un articolo di giornale sui social network o trovarlo su un motore di ricerca. Wikipedia stessa rischierebbe di chiudere.

La proposta ha già incontrato la ferma disapprovazione di oltre 70 studiosi informatici, tra i quali il creatore del web Tim Berners-Lee (qui), 169 accademici (qui), 145 organizzazioni operanti nei campi dei diritti umani, libertà di stampa, ricerca scientifica e industria informatica (qui) e di Wikimedia Foundation (qui).

Per questi motivi, la comunità italiana di Wikipedia ha deciso di oscurare tutte le pagine dell’enciclopedia. Vogliamo poter continuare a offrire un’enciclopedia libera, aperta, collaborativa e con contenuti verificabili. Chiediamo perciò a tutti i deputati del Parlamento europeo di respingere l’attuale testo della direttiva e di riaprire la discussione vagliando le tante proposte delle associazioni Wikimedia, a partire dall’abolizione degli artt. 11 e 13, nonché l’estensione della libertà di panorama a tutta l’UE e la protezione del pubblico dominio.