Home » Wind Tre, TIM e Vodafone multate da AGCM: ecco perchè
Consigli Curiosità Guide

Wind Tre, TIM e Vodafone multate da AGCM: ecco perchè

Wind Tre, TIM e Vodafone multate da AGCM per pratiche commerciali scorrette verso i propri clienti.

Nuova multa in arrivo per gli operatori telefonici italiani!

Le compagnie Wind Tre, TIM e Vodafone sono state sanzionate (ancora una volta) dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) per via di alcune pratiche commerciali scorrette nei confronti dei propri clienti per una somma complessiva pari a 3,2 milioni di euro.

Come riporta HDBlog, i procedimenti istruttori hanno constatato l’esistenza di condotte aggressive “in violazione degli articoli 24 e 25 del Codice del Cosumo” tramite le quali le tre società inviavano ai clienti “presunti morosi” solleciti di pagamento che minacciavano l’iscrizione dei nominativi all’interno della banca dati S.I.Mo.I.Tel qualora non fosse stato saldato immediatamente il debito.

AGCM ritiene illecito il comportamento delle tlc in quanto la banca dati in questione non sarebbe ancora operativa, e dovrebbe riguardare comunque solamente i clienti “morosi intenzionali”. I clienti contattati tramite avviso non rientrerebbero infatti all’interno di tale categoria in quanto non avrebbero tutti i requisiti richiesti per l’iscrizione alla banca dati stessa.

Agendo in questo modo, quindi, Wind Tre, TIM e Vodafone avrebbero condizionato i rispettivi clienti con la minaccia di fare ricorso ad uno strumento, sì, previsto dalla legge, ma comunque non ancora attivo e “limitato” ad una specifica tipologia di “cliente moroso”: quello “intenzionale”, appunto.

LEGGI ANCHE: 7 ANNI DI YEPPON! DAGLI ELETTRODOMESTICI ALL’INFORMATICA, SCOPRI TUTTE LE OFFERTE “IMPERDIBILI” DEL MOMENTO!

Secondo AGCM, dunque, pur di non rischiare l’iscrizione a S.I.Mo.I.Tel che avrebbe portato all’impossibilità di stipulare in futuro nessun altro contratto con qualsiasi operatore telefonico, i clienti sarebbero stati indotti a “provvedere rapidamente al pagamento dell’importo richiesto”.

VIA | HDBlog